Tuesday, 12 May 2009

RESISTERE E' CREARE*.




LIMBA SARDA.
"Ais’animas" o "irmenticai? dimenticare? esquecer? olvidar? leave behind?"

Custu cuadru,rappresentada sas cuatru categorìas de femminas mannas de Escalaplanu e de su mundu: sa bagadia, sa mamma, sa fixia e sa fìuda.
Tottar cuatru, vittimas de sa gùerra, e peus, de sa provas de gùerra in Sardigna po apustis fairi sa guerra de aberu in attras partis. Mas no xeti cussu...



Una beccia ‘e sa bidda, ca no s’est coiada, iscredendu s’omini giustu, e ca in su connottu serìa stettia una deìna, custodi de sa meixinas e de s’anticas credentzias, de sa cultura, de sa limba, o de su tempu commenti narada Atzeni.
Immoi da olinti ingronada in dommu, custodi a su mancu de unu bottu muttìu televisori, ca si sais contu ae cussu di faidi scaresciri sas cosas importanti prenendudinde sa conca de pixinus imbentaus e faulas malas.




Una mamma, cun sa prumissa de su dinai ca at a portai sa basi, immoi es nigada de sa gioìa de tenniri unu fillu, poitta cun sas probas de bombas et armas, peri cun cosas meda perìculosas, commenti s’uraniu impoverìu e su plutonio, es divennia mamma de unu pitticca surbile, ca no tenit culpa, culpa de nudda, perou est condannau a una vida de jana, de diaulu, de emarginada.
E immoi sa olinti tancada ad ommu, accuandusi' impari a sa fixa, faendu su inferru in vida.



S’urtima es una vittima de s’amori po unu piccioccu tontu, ca hat preferfiu sa gloria facili de s’esercitu a cussa difficili de su trabballu, o de s’istudiu, e immoi es mortu, po sas proprias armas ca impreaba in sas esercitatzionis pò bocciri attra genti est mortu cussu, commenti peri attrus piccioccus ca a su contrariu suu abianta sceberau su trabballu o s’istudio, ma tenianta sa malasorti de trabballai o de biviri in cussus logus, vicinu a is Poligunus Militaris o sceberaus po fairi annai innanti s’industrias de morte.
A cussa commenti a tottus is amigus e is parentis, di olinti cittiu, mudus e possibilmenti fatalistas o criendu ca fudi Deus a olliri sa morti sua.


Sas Tentatzionis cun sas mascaras biancas bruttas e sa peddi de ràmine funti: sa vida comoda, seccia in dommu, cun su televisori comenti intrattenimentu, su dinai ca cussus de sas basis naranta ‘e onai a cussus ca bivinti vixinu a su Poligunu, e sa gloria de su trabballu facili, ca pagada a medallas de brùnzu, calencuna noa in is giornalis e nudda de prus..

Ma in custu cuadru, bi d’est su finali onu: poitta sa beccia cun sas conoscentzias suas, sa mamma, sa fixia e sa piciocca cun s’amori suu galu in su coru, bessinti in s’istrada,creanta una processioni de aniamas ca manifestant con unu lintzolu brancu po simboleggiai tottus su logu chin c'esti po creai solutzions e alternativas a custas realidadis. creài, creàre, creare, to create, créer, crear, po nairi a tottus, ca cussas olinti essiri s’urtimas vittimas de custu sistema malu, ca faidi gùerras po dinai, e cittidi sa genti narandu faulas de democratica tontesa.
Oleus biri si peri in sa vida, sas femminas de ognas categorias sin di xidanta po usai sa forza criadora ca tenint po nairi a su mundu e a s’ominis ca di fainti da meri a cussu e a nosu tottus , ca si seus orroxius de crepai e fairi crepai sa genti po sa tontesa (ca no est attru) chi cussus tenint a conca.

Est s’ora e dda scabulai. Deu appu fattu custu. Si seis interessaus a du esporriri in Sardigna o in calencunu logu, immoi esti in Lanusei, ma pensu ca tenidi meda gana de bessiri.

Cladinè Curreli, su noi de friargiu de su 2007/su primu de aprile 2009.

P.s.Perdonai is erroris, su sardu miu esti unu pagu italianitzau, po corretzionis podeis iscriere a cladinedda@gmail.com . Gratzias.




ITALIANO
Ais’animas" o "irmenticai? dimenticare? esquecer? olvidar? leave behind?"

RESISTERE E' CREARE*.

Questo quadro rappresenta le quattro macro categorie di donne di Escalaplano, ma purtroppo anche della Sardegna intera e del mondo: la nubile, la madre, la figlia e la vedova.
Tutte e quattro, vittime della guerra, anzi peggio: delle prove di guerra in Sardegna per poi fare guerra in altri luoghi abitati da altrettanti tipi di donne e con lo stesso destino.
Ma il quadro non rappresenta solo questo.
Una anziana del paese, che non si è sposata forse per scelta o forse aspettando l'uomo giusto, e che in passato sarebbe diventata una deina, custode delle medicine e delle antiche preghiere, della cultura, della lingua (o del tempo come diceva Atzeni), e che ora vorrebbero rinchiusa in casa custode al massimo di una scatola chiamata televisione, che se gli dai retta ti fa dimenticare le cose più belle e importanti per riempirti la testa di pettegolezzi inventati e bugie pericolose.

Una madre, che con la promessa dei soldi che avrebbero portato le basi, adesso non ha neanche la gioia di avere un figlio, perché con le prove delle loro armi, tra cui quelle all'Uranio impoverito e il plutonio, è diventata madre di una piccola surbile che non ha nessuna colpa, ma è stata condannata a una vita da jana, di diavolo, di emarginata.
Le vorrebbero anche loro chiuse in casa, a nascondersi, facendo l'inferno in terra.

L'ultima è vittima invece dell'amore per un ragazzo che ha preferito la gloria facile dell'esercito a quella difficile del lavoro o dello studio, e ora è morto, per le stesse armi con cui avrebbe dovuto uccidere altra gente, ancora prima di poter salpare il mare. Morto, per l'inquinamento creato dal suo lavoro, e che insieme a lui ha ucciso e sta uccidendo tutti coloro che nelle vicinanze del poligono hanno vissuto o lavorato, o come coloro che abitano le terre che son state scelte per far andare avanti quell'industria di morte che non conosce crisi perché produce armi.
A lei, così come agli amici e ai parenti delle migliaia di vittime incalcolabili di queste armi silenziose, che ammazzano ancora dopo decenni (se non centinaia di anni) dalla loro esplosione, li vorrebbero zitti, mudus, e possibilmente fatalisti.

A fianco alle donne si possono vedere le tre tentazioni che prendono forma di uomini di rame con le maschere bianche sporche..sono loro che offrono la televisione come intrattenimento per non pensare a ciò che realmente ci circonda, il denaro che vogliono farci credere che arrivi dai traffici militari delle basi e dei poligoni, la gloria del lavoro facile, che non regala niente se non medaglie alla memoria, poiché il resto se lo fa rendere con gli interessi.

Ma le quattro donne degnamente respingono i falsi doni, e guardano dritte, verso di noi, chiedendoci di fare altrettanto.
Camminano in testa di una processione di anime in pena, portano avanti un lenzuolo bianco, ormai lacero e sporco, ma che rappresenta tutto lo spazio ancora quasi vergine , nella quale la resistenza può essere ancora portata avanti dalla creazione e dalla memoria, per dire a quegli uomini che ci fanno da padroni al mondo e a noi tutti che siamo stanchi di morire e ammazzare per sa tontesa (che non è altro) che cussus tenint a conca.










*: il titolo è una citazione dell'omonimo libro di Miguel Benasayag e Florence Aubenas.

2 comments:

. . . . .. . . . . . . . . . . . ... .. ...